giovedì 11 gennaio 2007

Se fossi un naufrago


La solitudine è per lo spirito, ciò che il cibo è per il corpo. Seneca

E' appena terminata la seconda stagione di Lost e già ci stiamo chiedendo cosa succederà sull'isola che nasconde così tanti misteri. Loro sono anche fortunati, non sono soli come il povero Tom Hanks rimasto "intrappolato" su un isola con la sola compagnia di una noce di cocco.
E se un giorno naufragassi su un isola deserta?
And if you one day wreck on a desert island?

8 commenti:

jeznajeg ha detto...

non dimentichiamo l'amico robinson.
Cmq farebbe bene per un pò!
L' ha detto pure seneca

ge ts ha detto...

non riuscirei a vivere più di 2 giorni... sono una ragazza di città...

B a N g i U . . . ha detto...

dipende assieme a chi ho fatto naufragio... se con la mia dolce metà... sarebbe una vacanza ai tropici gratis! Se da sola... meglio non pensarci!

Anonimo ha detto...

nelle isole di romanzi e film ci sono sempre misteri.. penso che lo diventerei anch'io: la solitudine imposta non si gestisce

angelina ha detto...

se fossi un naufrago...cercherei sopravvivere cn quello che mi offre l'isola...

sensei ha detto...

..la mia mente forse malata ha sempre pensato a cosa vorrebbe dire essere naufraghi in un isola deserta: qualcuno sa come si accende un fuoco con i legnetti?!
ok, forse a quello ci si arriva..ma se non ci fosse speranza d'aiuto non vorreste acendere una lampadina o ascoltare la radio...e chi sa progettarle e costruirle quelle cose..secondo me ci vorrebbero altri mille anni per arrivare al nostro attuale livello di progresso! (avevo premesso che era un commento cervellotico!)

polpet ha detto...

sperando di naufragare con un gruppo di modelle di playboy cercherei di farmele tutte

Anonimo ha detto...

mi romperei i maroni... e probabilmente morirei a forza di imprecare per il naufragio...